Category: My Secret Ibiza

Discover the Magic inside you

I’ve always said that Ibiza is a magical and inspiring island where if you really want to, you can discover a lot about yourself. The winter months bring me a lot of introspection and creativity: the time when the island rests, the atmosphere is light and quiet and for me it is easier to dedicate time to myself, the real me, painting and creating.

Remembering who we are, why we are on this planet and what we bring here as a unique quality are the most important things – to know our real mission beyond everything else. To do this we have to silence our minds and capture the subtle inspiration emerging from our deep inner space.

Today I played with my creative spirit: a crystal, a peacock feather and a dress that recalls the timeless beauty of our nature. I hope you enjoy this very personal creation and I also hope that the photos express that touch of magic that I felt while doing them.

A hug

Natalia

Ti ho sempre detto che la mia bella Ibiza è un’ isola magica, ispiratrice, dove se vuoi puoi arrivare a scoprire molto di te stesso. Ci sono mesi come questi invernali che portano molto all’ introspezione, al guardarsi dentro, alla creatività, quei momenti in cui l’ isola si riposa, l’ aria è leggera e silenziosa e anche per me è più facile dedicare momenti a me stessa, al mio vero io, alla pittura e a creare.

Ricordati sempre che scoprire chi siamo, perchè siamo su questo pianeta e cosa siamo venuti a portare come nostra qualità unica è la cosa più importante, sapere quale sia la nostra vera missione al di là di tutto. Per farlo dobbiamo mettere in silenzio la nostra mente e captare la sottile ispirazione che arriva.

Oggi ho giocato con la creatività, un cristallo, una piuma di pavone e un vestito che ricorda la bellezza della nostra natura. Spero ti piacciano le foto e spero che esprimano quel tocco di magia che ho sentito mentre le facevamo.

Un abbraccio,

Natalia


Dress- Stradivarius

Boots- Karma of Charme

Faux fur Hat- Zara

Ring- Giampaolo Giardina Jewels

Ph. Credits

Bernard Domalain

 

Secret Places in Ibiza: “la Font de Balafia”

Good morning!!

I start a new week showing you one of those secret places we have here on the island. This is not far from San Lorenzo and just nearby  of the ancient village of Balafia that offers a very good sample of Eivissan traditional architecture.

The village is composed of five traditional houses and two defensive towers that form a place of high archaeological interest. At a short distance from the main village there is the Font de Balafia, in the countryside. The atmosphere is amazing and ‘ it’s one of those places where time seems to stand still, where the stones contrasting with the white wall, and where you can find narrow streets that bring you into the thick vegetation creating a magical and etheric ambience.

My boho dress from the boutique of Dora Herbst in Marina Botafoc gives a touch of colors. At the end of the post you can find all the links and if you want more informations about how to find this magical place you can contact me at my email onibizaclouds@gmail.com

Kisses,

Natalia

img_0511-copia

Buongiorno!!

Oggi inizio la settimana presentandoti uno di quei luoghi un pò segreti dell’ isola e che si trova poco lontano da San Lorenzo. In concreto sono stata a fare una passeggiata nei pressi dell’ antico borgo di Balafia, il più antico conservato sull’ isola e del quale si hanno notizie dal XV secolo. In questo luogo si può apprezzare la vera architettura ibizenca con antiche finche e due torri, tutte private. A poca distanza dal borgo principale si trova la Font de Balafia, immersa nella campagna e facilmente raggiungibile per una stradina sterrata.

E’ anch’ esso uno di quei luoghi dove il tempo sembra essersi fermato, dove i muri in pietra contrastano con il bianco della fonte, e dove puoi trovare strette stradine che si inoltrano nella fitta vegetazione creando un’ atmosfera incantata.

Una nota di colore la dà sicuramente il mio outfit con vestito della boutique di Dora Herbst di Marina Botafoc. Alla fine del post puoi trovare tutti i link e se vuoi informazioni più precise per trovare questo magico luogo puoi contattarmi alla mia email onibizaclouds@gmail.com

Un abbraccio,

Natalia

dsc_0148

dsc_0160

img_0510

dsc_0159

dsc_0253

dsc_0258

dsc_0141

dsc_0132

dsc_0129

dsc_0202

dsc_0200

dsc_0228

dsc_0205

Dress/ Vestido- Dora Herbst Boutique Ibiza

Boots/ Botas- Karma of Charme

Bracelets/ Pulseras- Anatomy of Love Ibiza

Hat/ Sombrero- Ibiza Ca Patch Os

Ph. Credits

Bernard Domalain

La cueva y Es Vedrà

Uno de los sitios más mágico y emblemático que tiene Ibiza es el islote de Es Vedra, que se encuentra a casi 400 metros sobre el nivel del mar en el suroeste de isla. Siempre me ha aparecido como una catedral de roca que sale del Mar y uno de los lugares para apreciar esta vista tan espectacular es seguramente “El Mirador” ubicado en la costa entre la torre des Savinar y Cal d’ Hort.

Justo debajo de la gran explanada, que también es el punto de salida para llegar a la misma torre, hay una pequeña cueva que ha sido decorada con los años,  no sè decir cuántos, con muchos objetos, colchones, almohadas, imágenes, creando un ambiente muy cálido y un lugar perfecto para contemplar la belleza del mar y de la isla mágica.

He de reconocer que se puede respirar algo de místico, casi como un lugar donde la gente que ama la isla puede refugiarse por un momento de contemplación frente a un paisaje tan espectacular, o por lo menos así fue por mí.

Hay muchas leyendas y rumores sobre Es Vedra que han creado un aura de misterio conectada con apariciones OVNI, luces bajo el mar o el magnetismo especial, pero lo que sabemos que pasó de verdad es la historia de su Padre Francisco Palau, que vivió durante un período en una cueva en el islote y escribió un libro donde describe las visiones místicas que tuvo en sus momentos de ermita.

Consejo práctico: a la hora de la puesta del sol hay obviamente mucha gente, así que si queréis un poco de paz quizá mejor cualquier otro momento del día, pero seguramente es un lugar para visitar si estáis en la isla.

Un abrazo,

Natalia

Uno dei posti più magici ed emblematici che abbiamo ad Ibiza è indubbiamnete l’ isolotto di Es Vedrà che si staglia a quasi 400 metri sul  livello del mare nella parte  sud ovest dell’ isola. Per potere godersi il panorama di quella che sembra una cattedrale di roccia che nasce dalle acque del Mediterraneo vi consiglio sicuramente  “el Mirador”  che si trova nella parte di costa tra la torre des Savinar e la famosa Cala d’ Hort.

Proprio sotto la grande spianata, che poi è anche il punto di partenza per raggiungere la stessa torre, si trova una piccola grotta che è stata decorata nel corso degli anni, e non so dirvi quanti, con tanti oggetti, materassi, cuscini, quadri,  che l’ hanno resa molto accogliente e un punto ideale per contemplare la bellezza del mare e della magica isola. Devo ammettere che ha un chè di mistico, quasi come un luogo dove chi è innamorato dell’ isola sa che può rifugiarvisi per un momento di contemplazione di fronte ad un panorama così spettacolare o per lo meno così è stato per me.

Esistono tante leggende e dicerie su Es Vedrà e che le hanno creato attorno un alone di mistero legato ad apparizioni Ufo, luci in fondo al mare o magnetismi particolari, ma la cosa certa e sulla quale presto vi scriverò un post è la storia del padre Francisco Palau che visse per un determinato periodo in una grotta sull’ isolotto e scrisse un libro descrivendo le visioni mistiche che ebbe nei suoi momenti di eremitaggio.

Come consigli pratici posso dirvi che ovviamente l’ ora del tramonto è il momento più affollato, quindi se cercate un pò di pace qualsiasi altra ora della giornata è meglio, però assoltamente è una gita da non perdervi.

Un abbraccio,

Natalia

IMG_1172 copia

IMG_7831

IMG_7873 copia

IMG_7843

IMG_7860 copia

IMG_7888

IMG_7886

IMG_7825

Poncho- Hippy Chick Ibiza

Boots/ Botas- Hector Riccione

Bes, the God of Ibiza

El primer nombre de la isla de Ibiza que se dicte por los estudios históricos y arqueológicos es Ibosim, YBSHM, dado por los fenicios que fundaron su primer establecimiento en Sa Caleta en el siglo VII. a.C. y la ciudad que lleva el mismo nombre en el 654 a.C..

La palabra Ibosim, significaba la isla del Dios Bes, protegida y bendecida por el Dios.

La mayoría de los lugares fundados en las antigüedades fueron elegidos más por razones divinas y astronómica que por razones puramente materiales, y la presencia de una deidad protectora era auspicioso en la fundación y creación de nuevas ciudades, templos, lugares en los que vivir. Baste decir que casi todas las catedrales cristianas fueron construidas sobre las ruinas de antiguos templos en los que había corrientes telúricas o especiales fuentes de agua.

Vamos a conocer más de cerca a este Dios que fue menos conocido que otros, pero que parece haber dejado un emprenta en lo que es hoy la isla.

Los Fenicios, los Pueblos del Mar, traíeron con ellos, así como sus costumbres y tradiciones, los dioses que adoraban, saliendo desde la costa este hasta la parte más occidental del Mediterráneo, especialmente en Ibiza y en la actual Túnez donde fundaron Cartago, donde estuve hace poco.

Bes, Dios que es parte del panteón de los dioses del Antiguo Egipto, se piensa fuera originario de Africa ecuatorial y posteriormente introducido en Egipto por posibles invasores. En la iconografía es representado como un Dios enano y barbudo, con una corona de plumas en la cabeza, pieles de pantera en el cuerpo y una cola entre las piernas, a menudo con la lengua fuera.

Fue considerado el Dios de la alegría, el placer, la música, los sueños y de las iniciaciones secretas, protector de las madres y de los niños, presente en el momento del nacimiento para ayudar el parto.

Podemos encontrarlo sincréticamente en el dios griego Pan o en Dionisio, dioses relacionados con la naturaleza y los misterios de la iniciación.

Se muestra tocando instrumentos como el arpa, la lira o el tamboril, o como Dios guerrero listo para derrotar a los enemigos, en los amuletos de protección.

En mi viaje a Egipto el invierno pasado tuve la suerte de poder admirarle en el templo dedicado a Isis y Hathor en Philae y en el templo de Hathor en Dendera, aqui mi post, mientras que en Ibiza se puede encontrar en el Museo de la necrópolis de Puig des Molins.

Ibiza es conocida en todo el mundo por ser una isla de fiesta, música y placer, entonces podríamos decir que hay un sentido lógico por la que fue “bautizada” como la isla protegida por un Dios que encarna en la tierra estas características.

La única diferencia que es importante tener en cuenta y me gustaría analizar es la siguiente.

En la antigüedad todo era considerado y vivido de una manera espiritual, y también el mismo placer, el éxtasis, estaba visto como un medio de transformación e iniciación, y no sólo un fin en sí mismo, como por desgracia sucede hoy en día, causando mal entendidos y una fuerte profanación.

Sin embargo estoy feliz de decir que la fuerte presencia de Bes, y también la de Tanit, de que os hablarè muy pronto, la podemos ver hoy en día en las personas que han optado de vivir en la isla por su magia, por su energía y por su naturaleza, y que honran esta tierra perseguiendo pensamientos y acciones sanas, fundando centros de meditación, centros de yoga y crecimiento personal, cada uno con su propio tipo de camino, pero con el conocimiento de los aspectos invisibles que realmente gobiernan nuestro mundo y nuestro universo.

Un abrazo y buen día.

Natalia

Il primo nome dell’ isola di Ibiza che ci venga tramandato dagli studi storici ed archeologici è Ibosim, YBSHM, dato dai Fenici che fondarono il loro primo insediamento a Sa Caleta nel VII sec. a.C.

La parola Ibosim, IBSHM, voleva significare l’ isola del Dio Bes,  quindi protetta e benedetta dal Dio.

La maggior parte dei luoghi fondati nell’ antichità erano scelti più per ragioni divine e stellari/ astronomiche che puramente  per ragioni materiali e la presenza di una divinità protettrice era di buon auspicio nella fondazione e creazione di nuove città, templi, luoghi in cui vivere. Basti pensare che tutte le cattedrali cristiane furono costruite sulle vestigia di antichi templi in cui vi erano correnti telluriche o fonti d’ acqua particolari.

Andiamo a scoprire più da vicino chi era questa divinità meno conosciuta di altre, ma che sembra avere dato una vera e propria impronta a quella che ancor oggi è la natura dell’ isola.

I Fenici, che possiamo anche riconoscere con i Popoli del Mare, portarono con se oltre che i loro usi e costumi anche le divinità che adoravano, partendo dalle coste orientali fino ad arrivare alla parte più occidentale del Mediterraneo, soprattutto ad Ibiza e nell’ attuale Tunisia dove fondarono Cartagine, della quale vi ho parlato in un mio post.

Bes, Dio conosciuto per fare parte del Panteon degli Dei nell’ antico Egitto, è descritto come originario dell’ Africa equatoriale e successivamente introdotto in Egitto da possibili invasori. Probabilmente proviene dai Pigmei visto il suo aspetto.

Iconograficamente viene rappresentato come un Dio nano e con la barba, con una corona di piume in testa, pelli di pantera nel corpo e una coda in mezzo alle gambe, spesso con la lingua fuori. Era considerato il Dio della gioia, del piacere, della musica, dei sogni e delle iniziazioni più segrete, protettore della madre e del bambino,  spesso presente nel momento del parto.

Possiamo sincreticamente ritrovarlo nel dio greco Pan o in Dioniso, Dei legati alla natura e ai misteri iniziatici.

Viene rappresentato mentre suona strumenti come l’ arpa o il tamburo, oppure come Dio guerriero pronto per sconfiggere i nemici,  ritrovandolo in amuleti di protezione.

Nel mio viaggio in Egitto dello scorso inverno ho avuto la fortuna di potere ammirare sue raffigurazioni nel tempio dedicato a Iside e Hathor a Philae e nel tempio di Hathor a Dendera, mentre ad Ibiza lo si può trovare al museo della necropoli del Puig des Molins, come vi avevo già raccontato in uno dei miei post.

Ibiza al giorno d’ oggi è conosciuta in tutto il mondo per essere un isola del divertimento, della musica e del piacere, quindi potremmo anche dire che possa avere un senso logico che fosse “battezzata” come l’ isola protetta proprio da un Dio che rappresentava e “incarnava” sulla terra queste caratteristiche.

L’ unica differenza che è importante considerare e che mi piace analizzare è la seguente. Nell’ antichità tutto era considerato e vissuto in modo spirituale, ed anche lo stesso piacere, l’ estasi, era vista come un mezzo di trasformazione ed iniziazione, quindi non puramente fine a stesso, come aimè  succede oggi, in cui vi non è coscienza su queste tematiche e una forte desacralizzazione.

Nonostante ciò sono felice di poter dire che la forte presenza di Bes, e anche di Tanit, della quale vi parlerò prossimamente, la possiamo vedere anche oggi nelle persone che hanno scelto di vivere sull’ isola per la sua magia, per la sua energia e per la sua natura, e che onorano questa terra portando avanti pensieri ed azioni sani, fondando centri di meditazioni, centri yoga e di crescita personale, ciascuno con un proprio tipo di percorso, ma con la consapevolezza degli aspetti invisibili che realmente governano il nostro mondo e il nostro universo.

Vi abbraccio e buona giornata.

Natalia

images

IMG_5271

Bes- Temple of Philae

IMG_4915-e1420757276841

Bes- Museum de Ibiza

IMG_5270

P1110033

P1110034

Bes- Temple of Philae

IMG_5589

Bes- Dendera

porte07_04

Bes, artwork by Athon Veggi-The Book of Doors

Bibliography:

The Book of Door- Athon Veggi

The Gods of the Egyptians- E. A. Wallis Budge